Vaccini, Regioni: «Richiamo ai turisti sia un’eccezione»

La somministrazione della seconda dose ai turisti nella regione di soggiorno «dovrebbe rappresentare una assoluta eccezione, considerata la relativa flessibilità della data della seconda dose e la possibilità di programmazione che tale elemento offre». E’ quanto prevede un documento stilato dalla Commissione Salute delle Regioni, che sarà presentato oggi al Governo, sul tema della vaccinazione in vacanza

Regioni: vaccini in hub o farmacie a turisti lungo soggiorno

Il documento, stilato dalla Commissione Salute delle Regioni, prevede comunque la possibilità di prenotare la seconda dose presso la regione di soggiorno – purché quest’ultimo sia di lunga durata – con vaccinazione in farmacie o hub e, infine, rilascio del certificato di avvenuta somministrazione del richiamo con la trascrizione all’anagrafe vaccinale nella regione di residenza. A valutare l’idoneità delle candidature alla prenotazione sarebbero comunque le Regioni di soggiorno, per poi fornire data e luogo via sms, garantendo però la disponibilità del tipo di vaccino richiesto.

Loading…

Lombardia: quasi 400 mila under 29 già prenotati

Intanto alle ore 10 di giovedì 3 giugno erano quasi 400mila (391.574 per la precisione) le prenotazioni per il vaccino anti Covid-19 per gli under 29 effettuate dal 2 giugno sera sul portale di Regione Lombardia e Poste Italiane. È quanto si apprende dalla direzione Welfare della Regione. Nel dettaglio, 232.816 riguardavano la fascia tra i 20 e i 29 anni, 120.433 quella tra i 16 e i 20 anni, 42.229 la fascia tra i 12 e i 16 anni. Ma non tutte le regioni hanno aperto già alla fascia 12-16 anni. «Se le consegne di vaccini Pfizer previste saranno sufficienti le prenotazioni per gli adolescenti dai 12 anni in Liguria partiranno entro 10 giorni a scaglioni» ha avvisato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ad Agorà su Rai 3.

Figliuolo: flessibilità su prenotazione richiamo ai giovani

«Ho appena firmato una lettera per tutte le Regioni per dire di trovare delle soluzioni di massima flessibilità per le prenotazioni, penso alle classi più giovani che nei mesi estivi si sposteranno. Già in fase di prenotazione dovrà essere possibile trovare la data migliore per il richiamo e far sì, con la flessibilità, che già in quella fase si possa spostarlo eventualmente in un altro giorno nel range dei 42 giorni o delle 4-12 settimane. E’ fattibile, ci vorranno i tempi tecnici di adeguamento dei sistemi informatici su cui la struttura è pronta a dare una mano». Così il Commissario Francesco Figliuolo a Elisir su Rai 3.

«Mancano inoculazioni a 2 milioni over 60»

Il commissario ha inoltre ricordato che in questo momento, «riguardo agli over 60, mancano 2 milioni e centosettantamila persone». E ha commentato: «Sono tanti. Un bel lavoro è stato fatto, ma dobbiamo ancora salire nelle percentuali. Dobbiamo pensare a quelle persone che sono titubanti o non scolarizzate dal punto di vista informatico. Ho detto alle regioni di cercarli, sia attraverso i loro team mobili sia attraverso quelli della Difesa: tra questi ultimi ce ne sono 44, che stanno operando con preciso mandato di andare a cercare fragili e over 60»

Da non perdere

Articoli correlati